conservatorio bologna
conservatorio milano

CENTRO STUDI | CAPPELLE, ACCADEMIE & CONSERVATORI

SCHOLAE, CAPPELLE, ACCADEMIE, CONSERVATORI, UNIVERSITÀ

Una sintesi schematica delle fonti di musica sacra presenti in Italia può essere brevemente riassunta attraverso l’elenco delle principali istituzioni che nel corso della storia europea hanno prodotto e conservato immense quantità di documenti musicali relativi alla musica sacra: le Scholae dei monasteri in epoca medioevale, le Cappelle musicali durante il Rinascimento, le Accademie musicali nel Seicento e nel Settecento, i Conservatori a partire dal 19. secolo e infine le Università.
L’ingegno dell’uomo attraverso la musica sacra ha rivestito le necessità del culto e della liturgia (intesa proprio come azione per il popolo) con forme d’arte e di funzionalità rituale, per singole occasioni o per le necessità musicali di periodi dell’anno molto lunghi, con musica composta talora da singoli compositori, come nel caso della produzione musicale, tra gli altri, di maestri assoluti dell'arte musicale europea e mondiale.

Le fonti storiche di musica sacra in Occidente sono documenti molto diversificati tra loro per tipologia e contenuti: comprendono materiale archivistico, musica manoscritta e a stampa, teoria musicale, libretti di musica sacra, in tempi più recenti la registrazione sonora. Sono il frutto grandioso di secoli di attività musicale in chiese e monasteri, ed insieme il segno dell’umanità che si interroga davanti al Mistero attraverso la Musica e l'arte, e costituiscono oggi un patrimonio musicale e documentario di valore inestimabile per la civiltà umana.
Diversità di stili musicali, tipi di scrittura, di organici strumentali e vocali, di strumenti musicali, di supporti materiali, di lingue, di raccolte piccole o grandi di fonti musicali: esempi di varie fortune che caratterizzano la storia della Musica sacra trasmessa a noi fin dalle sue origini.

Le fonti propriamente musicali in Occidente vanno dal IX secolo (con le origini della scrittura musicale) e continuano anche nel nostro tempo. La loro collocazione originaria non sempre coincide con la destinazione finale di conservazione, in molti casi una Biblioteca. Due straordinari esempi per la musica sacra sono la biblioteca di Padre Martini a Bologna, in Italia e quella di Fortunato Santini a Münster nel Nordrhein-Westfalen, in Germania.
La fonte musicale scritta, per sua natura, è in continuo movimento, e quindi non sempre i documenti si trovano conservati negli stessi luoghi in cui furono prodotti.
Nel mondo contemporaneo la ricerca bibliografica delle fonti musicali passa attraverso l’OPAC (online public access catalogue) per la loro identificazione e descrizione; attraverso la restituzione digitale aumenta la fruibilità di dati e immagini.

Per la musica sacra molto è ancora da fare.
Molte fonti, ancora sconosciute, giacciono negli archivi di chiese, capitoli, monasteri, biblioteche e molti altri luoghi in tutta Europa. Molto complesse anche le ricerche riguardanti le fonti di musica sacra nel bacino del Mediterraneo e nelle chiese d'Oriente, in Estremo Oriente e nelle Americhe. Soprattutto alla valorizzazione di queste tipologie di fonti mira il progetto del Centro Studi nel tentativo di contribuire a rivitalizzare le età della storia della musica nel mondo contemporaneo mediante una capillare e sistematica attività di censimento, catalogazione e di riproduzione digitale.
Ciò potrà avvenire solo – ed è forse  l’aspetto più difficile – nella consapevolezza di una crescita comune e con la buona volontà di istituzioni laiche ed ecclesiastiche che comprendano la necessità di una programmazione puntuale di interventi che richiedono la condivisione di saperi scientifici, capacità artistiche e musicali, apporti tecnologici, professionalità molto diversificate, un clima profondamente collaborativo, unito a pazienza e grande passione, partecipando così attivamente alla realizzazione di progetti grandi e piccoli per una crescita comune attraverso la Musica Sacra.

Un accesso molto importante alle fonti bibliografiche è costituito dall'OPAC.
Di seguito, i link agli OPAC delle Biblioteche dei Conservatori di Bologna e di Milano
.

OPAC della Biblioteca del Conservatorio di Musica "Giovan Battista Martini" di Bologna

OPAC della Biblioteca del Conservatorio di Musica "Giuseppe Verdi" di Milano

Guida pratica all'utilizzo dell'OPAC del Conservatorio di Milano

Patrocini & Partner

Logo_Cariplo thumbP thumbP thumbP